Post Image

Neuromarketing: Nucleus Accumbens – Il motore delle nostre decisioni

Negli articoli precedenti abbiamo parlato del neuromarketing, di come le neuroscienze possono aiutarci ad avere dei dati sulle reazioni del nostro cervello quando interagisce con una pubblicità o con un brand e di come queste informazioni possono essere usate per realizzare delle strategie più performanti

In questo articolo parleremo di una parte del nostro cervello che ha una funzione molto importante nella motivazione delle azioni che compiamo e nel piacere : Il nucleus Accumbens


Nucleus Accumbens: cos’è?

Neuromarketing: Nucleus Accumbens

Il piacere intenso di un bacio, la gioia nel mangiare e gustare il tuo piatto preferito, la motivazione che ti spinge a rincorrere un obiettivo nonostante le difficoltà. Queste sensazioni così importanti che proviamo nel quotidiano sono gestite dal Nucleus Accumbens. Un’area davvero sorprendente del nostro complesso e sofisticato cervello

Il nucleus accumbens si trova al centro del nostro cervello in ogni emisfero. La sua posizione fa parte del percorso dopaminergico del cervello che ha il compito di inviarci degli stimoli ogni volta che stiamo facendo qualcosa di piacevole o gratificante

Plasma il nostro sistema di ricompensa. Se non ci fosse, perderemmo la forza, la catarsi, l’energia impareggiabile che ci rende esseri umani.

La sua funzione principale consiste nell’attivare la motivazione e spingerci attraverso il rilascio di dopamina.

Fa sí, quindi, che la volontà, la sensazione di ottimismo e voglia di superarci si traduca poi in una risposta comportamentale, cioè in azione.


Le funzioni del Nucleus Accumbens

Il nucleus accumbens, oltre a motivare e gestire le sensazioni legate al piacere e alla sfera emotiva, svolge numerose altre funzioni

  • Ci aiuta a pianificare
    È connesso alla corteccia cerebrale e grazie a questo riusciamo a porci degli obiettivi o a studiare un itinerario per raggiungere un determinato luogo 
  • Ci aiuta a valutare le situazioni
    È legato alla nostra sfera emotiva e grazie a questo ci aiuta ad analizzare determinate situazioni per apportare cambiamenti, dare il via libera o decidere se è il caso di rimandare alcune sfide 
  • Ci aiuta a imparare
    La motivazione e l’apprendimento vanno di pari passo e senza il nucleus accumbens non avremmo la componente emotiva che ci spinge a studiare cose nuove 
  • Sesso e alimentazione
    Svolge un ruolo chiave nella relazione con le sensazioni di piacere perché legato al percorso dopaminergico

Nucleus Accumbens e Marketing

Abbiamo visto cos’è il nucleus accumbens e quali sono le sue principali funzioni. Cerchiamo di capire in che modo diventa così importante nel marketing

Quando una persona vede una pubblicità, un prodotto o ascolta un brano musicale per la prima volta, se si attiva il Nucleus Accumbens vuol dire che quella persona sta desiderando ciò che sta vedendo

Grazie agli strumenti di neuromarketing possiamo testare una pubblicità o un prodotto prima che venga messo in commercio. Se nei campioni che testano quella pubblicità si attiva il nucleus accumbens allora quella sarà una campagna di successo


Le emozioni: il fattore sulla quale si basano le nostre decisioni di acquisto

Ogni volta che acquistiamo un prodotto o un servizio lo facciamo in maniera del tutto irrazionale. Per quanto possiamo sentirci cinici saranno le nostre emozioni a guidare il nostro processo di acquisto

Il nucleus accumbens ha un ruolo fondamentale nel nostro processo di acquisto. Quando desideriamo ciò che stiamo vedendo vuol dire che il nucleus accumbens sta rilasciando dopamina.

Questo ci fa sentire motivati e ci spinge verso l’azione e quindi saremo spinti ad effettuare un acquisto o a dire si ad una proposta.


Come fare per attivare il Nucleus Accumbens?

Quando si attiva il Nucleus Accumbens? Quando riusciamo a pregustare il piacere di quello che succederà dopo aver acquistato quel prodotto o servizio

Quindi quello che ci attiva il nucleus accumbens non è la soddisfazione dell’acquisto ma bensì l’aspettativa di quello che capiterà se compriamo.

Tutto quello che ci da la possibilità di intuire che se compriamo quel prodotto si verificheranno delle cose che saranno per noi piacevoli e saranno quindi le nostre ricompense farà in modo che il nostro Nucleus Accumbens rilasci dopamina motivandoci ad acquistare il prodotto che stiamo guardando


Come ottimizzare le nostre pubblicità?

Abbiamo visto come si attiva il nucleus accumbens ma è interessante sapere come ottimizzare le nostre pubblicità per fare in modo che possiamo scaturire il desiderio nella mente del consumatore che le guarderà

Come abbiamo detto per far si che una persona desideri ciò che sta guardando è necessario fargli percepire i benefici che otterrà dall’acquisto del nostro prodotto o servizio. Diventa fondamentale quindi presentare in una pubblicità una serie di ricompense che l’utente può avere in seguito all’acquisto

I benefici del nostro prodotto o servizio fungeranno da gancio per attrarre l’utente e successivamente dovremo dargli tutte le informazioni necessarie per avere la maggiore chiarezza possibile su ciò che stiamo vendendo

Ovviamente non basta solo questo. Per riuscire a suscitare reale interesse in un consumatore dobbiamo ricordare che si tratta di una persona e quindi baserà le sue decisioni sulle emozioni.

Una buona pubblicità non può trascurare il fattore emozionale ed anche un’ottima pubblicità può non avere successo se è il brand stesso a non avere una filosofia emozionale.


Conclusioni

Il nucleus accumbens è solo una componente delle tante che comprendono il nostro sistema decisionale. Nei prossimi articoli approfondiremo ulteriori concetti legati all’affascinante mondo del neuromarketing

Sapere però come funziona una parte importante del nostro cervello può certamente aiutarti ad avere le idee più chiare sulla tua prossima campagna pubblicitaria

Dicci nei commenti se questo articolo ti è stato utile


Vuoi approfondire l’argomento o hai bisogno di supporto per ottimizzare le tue campagne pubblicitarie? Contattaci per una consulenza di 30 minuti gratuita!

Ti può interessare anche:

Next
Usabilità: architettura dell’informazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.